fb

“La terza via tra vendite tradizionali ed e-commerce”: questo il titolo del workshop che Davide Cavalieri ha tenuto domenica 12 settembre, agli ORBDays 2021 di Riva del Garda. Il 2020 è stato caratterizzato da un’enorme crescita dell’e-commerce a causa della pandemia che ha costretto tutti nelle proprie case, impedendo l’accesso ai negozi fisici, di pari passo alla crescente fiducia nel digitale da parte degli italiani. Tutto ciò ha portato i negozianti italiani a dover ridisegnare l’intero customer journey e puntare su nuovi format di vendita ibridi. I clienti si ritrovano quindi a vivere un’esperienza d’acquisto rivisitata che non comprende né il rapporto diretto e il confronto con il negoziante, né la possibilità di toccare, valutare e provare l’eventuale capo da acquistare, ma che passa solo attraverso lo schermo di un pc o di uno smartphone.

È possibile allora trasformare l’esperienza d’acquisto online che, da asettica e ripetitiva, basata solo sul mettere nel carrello l’articolo scelto per procedere al check-out, cavalca l’onda del cambiamento, sfrutta la tecnologia e si trasforma.

L’emozione sta al negozio fisico come la praticità sta all’e-commerce.” Davide Cavalieri

Un esempio è proprio il live shopping che, mediante le piattaforme streaming altamente performanti, consente agli addetti vendita o influser di presentare i prodotti nel corso di dirette live.

Questo modello di vendita si basa sul concetto “see now, buy now” e comporta il vantaggio per i partecipanti alla diretta di acquistare il prodotto direttamente con un click, senza la necessità di doversi scollegare e collegarsi all’e-commerce del brand. Si ha dunque la possibilità di interagire con gli streamer, proprio come fossero in un negozio, chiedendo loro consigli, informazioni e suggerimenti. Come se il muro immaginario – lo schermo – che divide il cliente dall’addetto vendita venisse abolito, trasformando l’e-commerce in una sorta di “negozio fisico virtuale”.

Risulta quindi fondamentale che gli addetti alla vendita siano più che preparati, non solo sulle caratteristiche dei prodotti per sviare i dubbi dei possibili acquirenti, ma che siano anche in grado, grazie un certo tono e ritmo della voce, di coinvolgere e interessare i consumatori.

Fonte: Outdoor Mag